02/04/17

E' morto Evtusenko. Poesia della domenica: "Distacco" di Evgenij Evtusenko.



Distacco


Il suono di un fischietto.
                                       Il crescere del rumore.
Il treno passa come un lampo,
                                       tra la polvere alta fino alla cintola.
L’arcata di un viadotto.
                                        L’ansa di un fiume.
Lontano – pioppi e campi di canapa
                                      – balenare di fazzoletti colorati.
Ragazze con allegra malizia nello sguardo,
il mercato, circondato
                                      da dighe di
                                                     orci luccicanti,
 montagne di sacchi su carri,
                                         catinelle piene
                                                    di fragole di giardino,
sirene di locomotive
                                       intorno alle pompe degli scali, 
vagoni,
              marciapiedi
                               e pensiline di stazioni,
                                                                caselli ferroviari,
casette di legno,
              pali di telegrafo,
villaggi,
              cespugli,
                           ponti..
 Abbiamo già preso posto.
                                               E già la hostess
ha distribuito le materassine.
E già, strada facendo, ci siamo
                                                affiatati.
Ai nuovi nomi ci siamo abituati.
Già il mio compagno ha tirato fuori un tramezzino,
già si fa coda per l’acqua.
Già qualcuno, deposto a terra
                                              un pesante bagaglio,
ha tracciato l’immancabile “pul’ka”,
un’armonica lontana
                                              ha improvvisato una polca,
suoni di allegria,
                                           senza rimpianti,
 e io,
      sistemato nella cuccetta superiore,
avvolto in una nuvola di tabacco Belomòr,
ascoltavo.
Chissà da dove
                approdava un soffio
                                   di fresca estate
tra il lungo gemito dei respingenti
                                e i secchi contraccolpi delle ruote,
e a un tratto –
                     un dialogo:
                                     “Indovina, amico mio, indovina
che ragazza ho incontrato!
Se solo potessi fare amicizia,
                                                conoscerla meglio, rivederla almeno una volta…” “Ma piantala, con queste assurdità! Ma dove credi che la rivedrai?”
                                                “La rivedrò!”
“Ma davvero pensi che la ritroverai?”
                                                          “La ritroverò!”
Ascoltavo, come una corda vibra al suono; 
                                                  come un’eco, ascoltavo
le confidenze di sconosciuti.
Scusate.
                    Anch’io lasciavo qualcuno,
 anch’io mi separavo
                    dalla mia ragazza.
Sì, mia brava ragazza,
                    che senso
ha lamentarsi perché ci attende
                          un nuovo disagio,
                                                 una nuova inquietudine?
Non te ne vai forse anche tu?
                                             Ma tu, soltanto,
da una stazione diversa per diversa strada…
 Non m’importa che la gente
                               di casa
 dica di me:
 “Quando si stancherà,
                        alla fine,
                        di ripartire, di andar lontano, sempre?…”
Sì, andarmene lontano, questo per me ci vuole,
 correre col treno,
                   rotolare con la neve,
incontrarti di nuovo
                   e poi di nuovo –
                                       via! partire.
 A ogni nuova separazione,
                  sempre più ti avvicini.
A te
           io vengo
                      per sentieri di cerca.
“Ma dove credi che la rivedrai?”
                                                   “La rivedrò!”
“Ma davvero pensi che la ritroverai?”
                                                             “La ritroverò”.

Evgenij Evtušenko, 1952, tratto da Poesie, traduzione di Alfeo Berdin, Garzanti, 1970.

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti interessa questo post e vuoi aggiungere qualcosa o commentare, fallo.